Lo studio della “Democrazia digitale” di Emiliana De Blasio

  • pubblicato in: Testi
  • 12 marzo 2015

“Democrazia digitale” è il titolo del libro di Emiliana De Blasio, coordinatrice scientifica del CMCS (Centre for Media and Communication Studies “Massimo Baldini”) presso la LUISS “Guido Carli”, dove insegna Media Digitali e Partecipazione Politica, Teoria e tecniche dei nuovi media e Media Gender e Politica. Docente di Sociologia generale, Sociologia dei mass media e Gender Studies alla Pontificia Università Gregoriana.
Di seguito proponiamo la scheda dell’editore:

Dalle origini di Internet alle forme più avanzate di partecipazione sociale, attraverso la Primavera araba, Wikileaks e lo scandalo Prism, l’affascinante racconto dell’uso politico della rete.

Lo studio della democrazia digitale è un campo in via di definizione o, meglio, in continua ri-definizione-. Dagli esordi pubblici del World Wide Web ai recenti esperimenti di e-democracy, molta strada è stata fatta. Ma cosa significano oggi termini quali e-governance, digital divide, audiencehood e peer-monitoring? La rete è davvero un luogo di libertà e un’occasione per i processi democratici oppure, come sostengono i più accesi “cyber-pessimisti”, internet è il nemico? Questa Piccola introduzione alla Democrazia digitale dà una risposta a queste e a tante altre domande, offrendoci una guida essenziale a quello che succederà domani.

Fonte: Luiss University Press
http://luissuniversitypress.it/site/it-IT/Scheda/default.html?SchedaID=14027/

Gli uomini preferiscono la certezza all’incertezza. Ma l’opzione per la democrazia è precisamente un’opzione per l’incertezza rispetto agli esiti di ogni elezione, di ogni voto.

Albert Hirschman

Testi